Brasato al Barolo

brasato al barolo

Brasato al Barolo

Il brasato al Barolo rientra nei grandi classici della cucina italiana, la cui preparazione non è affatto complessa ma richiede una lunga marinatura, con ottimo vino e le giuste spezie e una cottura lenta e amorevole.

Il risultato è un piatto gustoso, ricco di sapori, da accompagnare con una bottiglia di Barolo.

  • Preparazione 30 Minuti
  • Cottura 190 Minuti
  • Tempo Totale 220 Minuti
  • Porzioni 4 Persone
  • Calorie/Por. 455 kcal

Ingredienti

  • 800gr di manzo (noce o cappello del prete)
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 gambo di sedano
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 foglie d'alloro
  • 2 chiodi di garofano
  • ½ stecca di cannella
  • 1 bottiglia di Barolo
  • 50gr di burro
  • olio extravergine d’oliva
  • pepe
  • sale

Preparazione

  1. In una ciotola capiente mettete a marinare la carne con le verdure pulite lavate e tagliate a pezzetti. Adagiatevi sopra la carne, unite l’aglio, il rosmarino, l’alloro, i chiodi di garofano, la cannella e ricoprite per intero con il vino. Coprite la ciotola con la pellicola trasparente e lasciate marinare in frigorifero per almeno 12 ore.
  2. Trascorso questo tempo, togliete la carne e asciugatela con della carta assorbente. Fatela rosolare a fuoco vivace per circa 10 minuti in una casseruola ampia con un filo di olio d’oliva e il burro. Rigirate la carne su tutti i lati in modo che si sigilli per bene; sulla superficie si deve formare la crosticina.
  3. Aggiungete nuovamente la marinatura (verdure e spezie comprese), salate, pepate e fate cuocere con il coperchio a fiamma molto bassa per almeno 3 ore, aggiungendo quasi tutto il restante barolo man mano che quello in pentola evapora. Controllate la cottura infilzando la carne con una forchetta, che deve penetrare senza difficoltà.
  4. Togliete la carne dalla pentola, raccogliete le verdure e passatele al colino, schiacciando con un cucchiaio e riportate tutto nella pentola, eliminate spezie ed erbe aromatiche aggiungete altri 2 cucchiai di burro e correggete di sale e pepe. La salsina deve essere densa e ben amalgamata.
  5. Quando la carne si è raffreddata tagliatela a fette, mettetela in un piatto da portata e ricoprite con abbondante salsa.

Note

Se avete del tempo a disposizione vi consiglio di preparare per la marinatura un sacchettino aromatico. In un pezzo di garza sterile sistemate i chiodi di garofano, i grani di pepe e la cannella il rosmarino e le foglie di alloro; richiudete e fate un fiocchetto con dello spago da cucina.

Se il sughetto del vostro arrosto risulterà esser troppo liquido e se fate fatica a farlo restringere, potete utilizzare un mezzo cucchiaino di maizena (amido di mais) come addensante, per ottenere una salsa morbida e vellutata.

 

Varianti 

Servite il brasato al Barolo con delle patate al forno oppure con della polenta, sia appena fatta e ancora morbida, sia tagliata a fette e riscaldata al forno.



Dove trovare gli ingredienti

La macelleria di Roberto è un’esplosione di tradizione e creatività. Da lui troverete sia i tagli classici delle migliori carni italiane, sia alcuni strabilianti preparati di sua creazione.
La macelleria di Fabio Pennacchia è un posto magico e imprevedibile, nel quale addirittura chi non mangia carne può fare acquisti
Alfredo e Damiano non hanno una semplice macelleria, ma una vera e propria bigiotteria della carne.
Presente al Mercato Italia dal 1965, la macelleria di Fabio è un luogo per cultori della carne. I preparati gourmet sono il suo forte.
Da tre generazioni la famiglia D’Antoni propone carni in tagli classici di vitella, manzo e maiale, sono specializzati nella realizzazione di pronti a cuocere d’ogni tipo.
Presenti da ben tre generazioni nel quartiere ostiense con specialità equine, carne di scottona, pollame ruspante, guanciale stagionato di Ariccia e molto altro per un’alimentazione ricca di ferro, proteine e zero colesterolo.

Lascia un commento